domenica 27 dicembre 2009

I° TORNEO DI BRISCOLA A COPPIE NATALIZIO






In occasione delle festività natalizie, i Circoli di Azione Giovani Spoleto organizzano il primo torneo di briscola a coppie per il giorno MERCOLEDI 23 DICEMBRE a partire dalle ore 21.00 presso la nuova sede di Via Flaminia Vecchia.

martedì 22 dicembre 2009

Tradizionale Cena degli Auguri


Grande partecipazione per la tradizionale cena degli Auguri organizzata da Azione Giovani Spoleto che si è svolta venerdì 18 dicembre presso la discoteca Pocoloco di Rivotorto d’Assisi. Una grande tavolata di militanti e simpatizzanti che si sono concessi una serata di divertimento e di amicizia prima della pausa natalizia.I Presidenti di Circolo con l’occasione hanno anche ribadito l’entusiasmo per l’apertura della nuova sede in Via Flaminia Vecchia, annunciando ulteriori iniziative di carattere ludico e ricreativo durante il periodo delle festività.“E’ stato un anno lungo ed intenso, ricco di attività politiche: dalle elezioni amministrative nella città di Spoleto a quelle degli organismi scolastici. Siamo pronti a raccogliere le nuove sfide con la solita voglia di fare che ha reso protagonista la nostra Comunità Militante, una comunità umana prima che politica”.


martedì 15 dicembre 2009

Inaugurazione della nuova sede di Azione Giovani

Grande successo per l’inaugurazione della nuova sede di Azione Giovani di Spoleto in via Flaminia Vecchia. Un centinaio di presenti in grandissima parte giovani, nuovi iscritti e militanti di vecchia data, tutti entusiasti per la sezione, tutti pronti a cavalcare le battaglie politiche cittadine e studentesche, tutti pronti a sostenere il PDL e soprattutto quei candidati che con questi ragazzi hanno condiviso un percorso di militanza. Una nuova sede per continuare a fare politica alla vecchia maniera: in mezzo alla gente con la voglia dare il proprio contributo per cambiare le cose nella propria città. I presidenti di Circolo Alessio Cao e Michele Leoni hanno sottolineato l’importanza di avere una sede autonoma ed indipendente, troppo spesso il mondo giovanile si è trovato appiattito sulle posizioni del Partito perdendo il classico ruolo di avanguardia e di laboratorio culturale, che invece deve caratterizzare il movimento giovanile. In un momento storico nel quale la politica sembra fatta di spot e di tesseramenti on-line, vogliamo andare contro-corrente, aprendo una struttura sul territorio che sia visibile e che possa rappresentare un punto di riferimento per tutte quelle persone che cercano un contatto diretto con il Partito. Ragazzi che hanno deciso di auto-tassarsi e di portare avanti il loro impegno politico. Chi condivide il nostro modo di fare politica, una Politica con la P maiuscola, fatta di impegno e di sacrifici, fatta di confronto e di azioni sul territorio, fatta di voglia di cambiare le cose…è uno di noi e avrà tutto il nostro appoggio! Presenti alla manifestazione il Consigliere Provinciale Giampiero Panfili che nell’intervento di saluto ha voluto sottolineare la gioia nel vedere tanti ragazzi animati dalla passione civile, Massimo Monni Coordinatore Provinciale del PdL, il Consigliere Provinciale Michele Martorelli, i Consiglieri Comunali Angelo Loretoni, Giammarco Profili, Alessandro Cretoni, David Milioni; Massimo Pelliccia Coordinatore regionale della Giovane Italia. In rappresentanza di Alleanza Universitaria il Presidente Rocco Russo e il Dirigente Nazionale Giovane Italia Enrico Biagioli.

martedì 8 dicembre 2009

FINALMENTE CI SIAMO... DOMENICA 13 DICEMBRE


Domenica 13 dicembre alle ore 17.30 in via Flaminia Vecchia si terrà l’inaugurazione ufficiale della nuova sede di Azione Giovani.Il movimento giovanile del PDL comincia a strutturarsi sul territorio e, in attesa della formalizzazione della Giovane Italia, ha pensato bene di rimboccarsi le maniche e reperire una sede. L’entusiasmo è quello dei ragazzi di Azione Giovani, il Circolo Territoriale e quello ambientale “Nuova Europa” che per anni sono stati palestra di vita e di attività politica.“Confidiamo nel fatto che all’interno del PDL si possano in futuro reperire spazi per le attività giovanili e che soprattutto il Partito si decida ad un investimento serio sulle nuove generazioni approfondendo la formazione e l’esperienza sul campo. La sede di via Flaminia Vecchia diventa subito il nucleo operativo della nostra attività politica, aperto a tutti coloro che hanno voglia di impegnarsi sui temi della politica giovanile ma anche un luogo nel quale confrontarci e dibattere.L’invito a frequentare la sezione è rivolto a tutti i ragazzi che si riconoscono nella bandiera della Giovane Italia, una realtà che deriva dalla fusione dei movimenti giovanili di Azione Giovani e Forza Italia Giovani e che, sulla scia delle direttive nazionali, sta prendendo piede anche a Spoleto”.L’incontro è fissato per DOMENICA 13 DICEMBRE alle ore 17:30 e prevede l’intervento di Massimo Pelliccia e di Luca Briziarelli rispettivamente Presidente e Coordinatore regionale della Giovane Italia.


Alessio Cao, Michele Leoni.

mercoledì 25 novembre 2009

Conferenza Regionale Giovane Italia

Cari amici, Venerdì 4 Dicembre siete tutti invitati a partecipare alla Prima Conferenza programmatica della Giovane Italia. La manifestazione si svolgerà presso la Sala della Taverna San Bernardo a Gualdo Tadino alle ore 15.00 ed interverranno alla convention il Ministro della Gioventù Giorgia Meloni e i Coordinatori Regionali del movimento giovanile del Popolo della Libertà Massimo Pelliccia e Luca Briziarelli.



Per Info: Alessio Cao 328 5374281 Michele Leoni 393 5094350 azionegiovanispoleto@libero.it

giovedì 19 novembre 2009

BERLUSCONI: Mai pensato ad elezioni anticipate

"Vedo con stupore che si stanno moltiplicando e diffondendo notizie che continuano a fare apparire come imminente un ricorso alle elezioni anticipate. Non ho mai pensato niente di simile". Lo ha affermato, in una nota, il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. "Il mandato che abbiamo ricevuto dagli elettori e’ di governare per i cinque anni della legislatura, ed e’ questo l’impegno che stiamo gia’ portando avanti con determinazione e che intendiamo concludere nell’interesse del Paese. La maggioranza che sostiene il governo e’ solida anche al di la’ di una dialettica interna che comunque ne accentua le capacita’ ideative. Grazie a questo sostegno e alla fiducia che ci manifesta ogni giorno oltre il 60% degli italiani completeremo le riforme di cui l’Italia ha bisogno". Successivamente il nostro premier, rispondendo alle domande dei giornalisti a Montecitorio, ha aggiunto:"Io non ho mai pensato ad elezioni anticipate. Ho avuto un incarico del corpo elettorale ed abbiamo i numeri per governare fino alla fine della legislatura. Queste contorsioni della politica politicante non mi appartengono. Sono dispiaciuto che ci sono articoli di giornale che non rappresentano la realta’. Cosi’ si nasconde il gran lavoro che fa il Governo. Stiamo uscendo dalla crisi meglio degli altri Paesi europei. Stiamo facendo le infrastrutture. In Abruzzo e’ in corso un lavoro miracoloso. Poi un grandissimo lavoro di diplomazia commerciale, con grandissimi successi delle imprese italiane che ottengono lavori all’estero. C’e’ un’apparenza di una politica che si contorce nelle discussioni e non invece un governo che continua a lavorare serenamente con grandi risultati concreti.Sono dispiaciuto che ci sono titoli e articoli di giornale che rappresentano una realtà che a me non risulta essere vera e mi spiace che venga fuori un’apparenza di una politica che si contorce nelle discussioni e non invece un governo che, ancora serenamente, continua a lavorare con grandi risultati concreti e anche di grande rilevanza per tutti quanti.

giovedì 12 novembre 2009

Commemorazione Caduti di Nassirya

Si è celebrata oggi a Spoleto la Commemorazione per i Caduti di Nassirya e Afghanistan organizzata dall’Associazione “I Cento Comuni per la Libertà” presieduta da Manrico Profili. All’iniziativa hanno partecipato Autorità Militari e Civili: rappresentanze dell’Esercito Italiano, dei Carabinieri, del nucleo della Protezione Civile dell’Ass. Naz. Carabinieri, della Guardia di Finanza, del Corpo Forestale dello Stato, della Polizia Penitenziaria, il Sindaco Daniele Benedetti ed il Presidente del Consiglio Comunale Stefano Lisci, accompagnati da una delegazione dei Vigili Urbani. Presenti anche esponenti politici come i Consiglieri Comunali Angelo Loretoni e Giammarco Profili ed altri eletti nelle passate legislature. Nutrita anche la delegazione dei ragazzi di Azione Giovani, da sempre vicini al mondo delle Forze Armate.Estremamente gradita la rappresentanza del Corpo dei Granatieri di Sardegna che hanno voluto fare uno straordinario regalo alla Città presentando l’esibizione della propria Banda Musicale arrivata direttamente dalla Caserma di Roma; un momento toccante per tutti i presenti che hanno voluto ringraziare il Comandante con un lungo applauso. Struggente il Silenzio dedicato agli eroi delle nostre Forze Armate, caduti per un ideale di Pace e Giustizia in quei territori ancora martoriati dalla guerra. Il Presidente Profili ha voluto sottolineare con parole ricche di commozione che con il ricordo di quei ragazzi si onorano tutti i nostri giovani soldati, esprimendo il profondo senso di gratitudine da parte di tutta la Nazione. La presenza del Sindaco ha conferito una valenza istituzionale all’iniziativa. Nel suo intervento il Primo Cittadino di Spoleto ha espresso il suo personale appoggio e sostegno alla richiesta dell’allora Capogruppo di Alleanza Nazionale Giampiero Panfili – oggi Consigliere Provinciale del PdL – di intitolare una piazza ai “Caduti di Nassirya”. Benedetti ha infatti assicurato la presenza del Comune, con il proprio Gonfalone, per il prossimo anno impegnandosi affinché l’iniziativa si svolga direttamente nella piazza individuata, e magari – aggiungiamo noi – potrebbe essere il momento ideale per l’intitolazione ufficiale. Uno degli aspetti più belli della giornata è stata la grande partecipazione della cittadinanza di Spoleto che ha voluto testimoniare la vicinanza e l’affetto che la nostra Città nutre per le Forze Armate Italiane.

lunedì 9 novembre 2009

Commemorazione Caduti di Nassirya


Era il 12 novembre del 2003 e l’Italia piangeva i suoi caduti in Iraq, 19 tra carabinieri, soldati e civili uccisi in un attacco terroristico a Nassiriya. Nel giorno del sesto anniversario della strage di Nassiriya, sono numerose le cerimonie per ricordare le vittime. Anche noi di Azione Giovani vogliamo ricordarli, partecipando alla Commemorazione organizzata dall'Associazione"I Cento Comuni per la Libertà", Giovedì 12 Novembre alle ore 10 presso il Monumento dei Caduti in Colle Attivoli. Ricordiamo insieme i nostri eroi:


Tenente Massimiliano FICUCIELLO

Luogotenente Enzo FREGOSI

Aiutante Giovanni CAVALLARO

Aiutante Alfonso TRINCONE

Maresciallo Capo Alfio RAGAZZI

Maresciallo Capo Massimiliano BRUNO

Maresciallo Daniele GHIONE

Maresciallo Filippo MERLINO

Maresciallo Silvio OLLA

Vice Brigadiere Giuseppe COLETTA

Vice Brigadiere Ivan GHITTI

Appuntato Domenico INTRAVAIA

Carabiniere Scelto Horatio MAIORANA

Carabiniere Scelto Andrea FILIPPA

Caporal Maggiore Emanuele FERRARO

Caporale Alessandro CARRISI

Caporale Pietro PETRUCCI

Dottor Stefano ROLLA

Signor Marco BECI

giovedì 5 novembre 2009

L'Italia è un Paese con radici cristiane

“Un’autentica integrazione civile non può prescindere da una proposta educativa che abbia il coraggio e l’ambizione di proporre a tutti gli studenti i punti di riferimento che fondano la nostra società. Siamo di fronte ad una sentenza che è il manifesto politico di chi vuole il declino definitivo di un progetto che ci ha regalato più di 50 anni di pace e benessere, in nome di un’ideologia che ha come obiettivo quello di privare un popolo della propria identità e di consegnare tutti i cittadini europei alla dittatura del nulla. Auspico che tutte le forze politiche italiane ed europee sostengano senza esitazioni il ricorso che verrà presentato dal Governo italiano".

giovedì 22 ottobre 2009

COORDINAMENTO COMUNALE PDL SPOLETO:AZIONE GIOVANI-GI AL FIANCO DI LORETONI

I Circoli di Azione Giovani-Giovane Italia di Spoleto esprimono il loro pieno appoggio alla nomina del Candidato Sindaco Angelo Loretoni a Coordinatore Comunale.Il lavoro svolto da Loretoni durante la campagna elettorale gli ha permesso di conoscere bene tutte le varie realtà interne al PDL di Spoleto dimostrando impegno, umiltà, disponibilità ed indiscussa capacità politica sia a livello organizzativo che per quanto attiene l’elaborazione di progetti politici.Per questo motivo, soprattutto in un momento particolarmente delicato nel quale si deve consolidare la nostra realtà territoriale derivante dalla fusione degli apparati di AN e FI, occorre una figura di garanzia che goda della massima fiducia e della stima di tutti.Quello che era stato designato come l’uomo capace di portare al cambiamento la nostra città è certamente il soggetto migliore per continuare quel lavoro di aggregazione già intrapreso.Vogliamo schierarci con Angelo il quale ha conseguito un risultato che, seppur non premiato dal responso elettorale, rimane comunque una delle migliori percentuali mai ottenuta dal centro destra.Loretoni può, e per lui sarebbe certamente impresa più semplice perché in continuità con quanto già fatto fino a ieri, rappresentare la migliore sintesi possibile tra ambienti che hanno bisogno di coordinamento, spirito di intraprendenza e quell’entusiasmo giovanile necessario per affrontare le prossime sfide sul territorio.

Spoleto 22 Ottobre 2009


Alessio Cao

Presidente del Circolo Territoriale di AG-GI


Michele Leoni

Presidente del Circolo Ambientale “Nuova Europa”-GI

Panfili ribatte a Zaffini: “dichiarazioni superficiali… Spero che il Coordinamento Regionale sia capace di analisi più profonde!”.

Il Consigliere Panfili (PdL) commenta la notizia apparsa sulla stampa circa le candidature alle prossime regionali. “Ho letto con un certo sconcerto le dichiarazioni uscite dal Coordinamento Regionale. Pare che il Consigliere Zaffini, durante la riunione del Coordinamento Regionale, abbia liquidato la mia proposta di candidatura alle prossime elezioni con una battuta del tipo – avendo avuto in dote un buon Collegio alle Provinciali, Panfili non può rivendicare la candidatura per Palazzo Cesaroni! L’uso del condizionale mi pare davvero d’obbligo perché, continua Panfili, non voglio credere che in seno ad un organismo apicale come il Coordinamento Regionale si facciano analisi politiche così scialbe e prive di progettualità. Preferisco pensare che si tratti di una imprecisione giornalistica oppure che sia stata riportata una battuta durante un momento di pausa perché se così non fosse, l’immagine che emergerebbe del Coordinamento Regionale sarebbe più vicina ad una riunione di condomino, dove invidie e paure la fanno da padroni, che a quella del più alto consesso del PDL in Umbria. Un’immagine che sinceramente ritengo di non voler avallare davanti ai tanti nostri elettori. Liquiderei la cosa come una gag malriuscita perché, se così non fosse, prima di bollare come organismo inutile il Coordinamento Regionale, dovrei ricordare al Consigliere Zaffini che i Collegi Provinciali non sono una sorta di gentile concessione di dote da concedere agli amici di partito ma un consesso elettorale dove il peso politico dei candidati si misura in maniera determinante. Ed è triste doverlo evidenziare ad una classe dirigente. Non a caso, infatti, il Collegio di Spoleto 1 (quello che sarebbe stato concesso al sottoscritto per intenderci), si è trasformato nel miglior risultato di tutta l’Umbria 41% partendo dal 7° posto; non è un caso se, nella scorsa legislatura il collegio Spoleto 2, considerato un territorio perdente, ha invece raggiunto una percentuale di oltre il 21% (partendo dal 13%) arrivando ad onorarmi, anche in quella circostanza, di rappresentare la popolazione. Dovrei anche ricordare che, alchimie ed equilibri da manuale Cencelli, costrinsero il sottoscritto alla difficile candidatura nel collegio di Spoleto 2, per permettere allo stesso Zaffini la candidatura a sindaco raccogliendo un risultato non certo brillante. Senza contare che la mia candidatura al Consiglio Regionale, proviene direttamente dalla classe politica del territorio spoletino, i nostri consiglieri Comunali e le nostre organizzazioni giovanili nonché si pregia di numerosi altri appoggi sul territorio provinciale! E questo per quanto riguarda il discorso sui risultati elettorali dall’analisi dei quali capisco bene qualche timore e preoccupazione per alcuni dei consiglieri uscenti. Se mi è concesso, però, vorrei fare anche delle considerazioni di carattere politico che ritengo essere più produttive delle battute da bar. Le elezioni Regionali del 2010 rappresentano il vero banco di prova per il PDL e sono effettivamente il momento ideale per riuscire nella storica impresa di rovesciare la Regione dell’Umbria. La non ricandidatura di soggetti approdati al Parlamento, rischia di liberare enormi quantitativi di preferenze che, se non fossimo in grado di raccogliere, finirebbero con l’indebolire la coalizione. Lo storico risultato passa necessariamente per la candidatura delle nostre migliori forze elettorali misurate direttamente sul campo. Coprire le rappresentanze territoriali e nello stesso tempo mettere in campo gli uomini in grado di raccogliere più preferenze possibili senza farsi impaurire da chi rischia un successo, anche a scapito di altri. La corsa alle preferenze è di per se un gioco di forza, non possiamo permetterci di fare delle liste su misura perché l’obiettivo non è quello di rieleggere Tizio o Caio quanto piuttosto quello di rovesciare la Regione coronando il sogno politico dei nostri militanti e simpatizzanti dando nuova speranza ai nostri territori su temi quali le infrastrutture, lo sviluppo economico, l’occupazione, la sicurezza …e tutti quei campi nei quali la sinistra ha dimostrato di fallire. Non accetterò mai l’idea di un Partito che ha paura di vincere e sono pronto a dare il mio personale contributo…tutto il resto sono chiacchiere che non servono a niente e scelte la cui responsabilità è davanti agli occhi della nostra gente…e voglio sperare che qualcuno, in seno al Coordinamento Regionale, queste considerazioni le abbia fatte!”.

Perugia, 20 ottobre 2009
Giampiero Panfili
Consigliere Provinciale

mercoledì 21 ottobre 2009

Il caso del Liceo si discute anche in Provincia. Panfili (PDL) interroga il Presidente

Al Presidente della Provincia di Perugia




INTERROGAZIONE URGENTE




Oggetto: Palestra Liceo Scientifico “A.Volta” di Spoleto



Premesso che:

il Palarota di Spoleto venne costruito con l’intento di dotare il Liceo Scientifico “A.Volta” di adeguati spazi per le attività di educazione fisica;

Provincia e Comune di Spoleto, per problemi di praticità nella fruizione delle strutture, stipularono una convenzione nella quale l’Amministrazione comunale di Spoleto cedeva l’utilizzo del vecchio Palazzetto dello Sport ai Licei Classico e Scientifico, ricevendo in gestione gli impianti del Palarota che meglio si addicevano alle manifestazioni esterne di carattere sportivo;

detto accordo venne stipulato mediante apposita convenzione rinnovata il 28 Maggio u.s.;

successivamente, l’apertura della scuola alberghiera nel comprensorio spoletino, ha determinato la necessità di rivedere l’utilizzo degli spazi adibiti alle attività scolastiche di educazione fisica.


Considerato che:

la soluzione che si era trovata era quella di mantenere i Licei Classico e Scientifico nel vecchio Palazzetto, riservando all’Istituto Alberghiero l’utilizzo del Palarota;

inspiegabilmente, detta situazione è stata completamente rovesciata. Attualmente è riservato l’utilizzo del vecchio Palazzetto all’Istituto Alberghiero, è stato trasferito il Liceo Classico al Palarota e il Liceo Scientifico è ospitato presso le strutture di Sant’Anatolia di Narco (obbligando gli studenti ad un trasferimento di oltre 10 km). Pare che la Provincia si sia opposta all’utilizzo del Palarota da parte del Liceo Scientifico dal momento che le attrezzature della scuola creavano ingombro non garantendo le norme di sicurezza della struttura.









Rilevato che:

una situazione del genere ha portato gli studenti e alcuni esponenti della classe docente del Liceo Scientifico ad una protesta che è sfociata in queste ore nella occupazione dei locali scolastici da parte degli alunni.

Valutato che:

il sottoscritto aveva presentato una interrogazione chiedendo all’Assessore competente se fossero stati previsti spostamenti o comunque aggiustamenti relativi al trasferimento di singoli istituti al fine di evitare che manovre del genere si realizzassero con l’anno scolastico in corso, con tutti i relativi problemi che ne sarebbero conseguiti.

Il sottoscritto Consigliere Provinciale del PDL, Giampiero Panfili CHIEDE alla S.V.:

1) quali motivazioni hanno spinto l’Amministrazione provinciale a favorire l’Istituto Alberghiero rivedendo completamente la passata soluzione e arrivando, addirittura, a violare la convenzione precedentemente sottoscritta e rinnovata, circa l’utilizzo da parte del Liceo Scientifico dei locali del vecchio Palazzetto;

2) se non si ritenga opportuno mettere immediatamente a disposizione del Liceo Scientifico adeguate strutture, ricorrendo se necessario, all’utilizzo di spazi privati, chiedendo eventualmente anche la disponibilità della palestra della Scuola di Polizia;

3) cosa si intenda fare sia per quanto riguarda la situazione immediata, sia per quello che concerne la soluzione definitiva del problema;

4) se non si ritenga l’Amministrazione provinciale responsabile dei disguidi creati perché colpevolmente non ha provveduto al riordino degli spazi preposti per gli Istituti nei tempi opportuni;

5) se risulti che questa Amministrazione abbia in itinere procedimenti per la richiesta di rimborso circa alcune spese di gestione (acqua, riscaldamenti..) legate agli Istituti scolastici, e in caso affermativo, verso quali scuole.


Perugia, 20 Ottobre 2009





Il Consigliere Provinciale del PDL
Giampiero Panfili

martedì 20 ottobre 2009

Azione Giovani è con gli studenti

Il Circolo ambientale “Nuova Europa” di Azione Giovani di Spoleto esprime la sua vicinanza agli studenti del Liceo Scientifico “A. Volta” per la presa di posizione sullo spostamento dell’educazione fisica nella palestra della scuola di Sant’Anatolia di Narco. Una decisione assurda, che obbliga i ragazzi a spostarsi per più di 10 km, da Spoleto in Valnerina, per di più con quale mezzo? Gli studenti dovrebbero spostarsi con mezzi pubblici e con quali soldi? La decisione fa venire ancora più rabbia quando è stata data la disponibilità all’Istituto Alberghiero di far educazione fisica nel palazzetto vecchio, come lo stesso Scientifico fino ad oggi , ed al Liceo no. Il Presidente del Circolo, Michele Leoni, dichiara: “Questa decisione mette in risalto le scarse qualità di programmazzione del Comune e della Provincia, che mi ricordano le vecchie amministrazioni le quali adottavano due pesi e due misure. Noi, non vogliamo dare torto all’Alberghiero, ma non possiamo accettare che una scuola può far ginnastica in una palestra, ed un'altra, in questo caso il Volta, andare a finire in un altro Comune. Questo è molto grave” Aggiunge ancora Leoni: “ Spingo i ragazzi ad andare avanti con la protesta, sempre però nei limiti giuridici”.
Invitiamo le Istituzioni e il Dirigente Scolastico a trovare al più presto una soluzione consona alle esigenze degli studenti del Liceo spoletino.


Michele Leoni
Presidente Circolo Ambientale “Nuova Europa” Azione Giovani – Giovane Italia

STUDENTI OCCUPANO LICEO SPOLETO: NO ALL’ORA DI GINNASTICA IN …VALNERINA!

Gli studenti hanno deciso che la giornata di oggi sarà di autogestione. Da poco rientrati nelle loro classi per l'appello, i ragazzi dello Scientifico hanno optato per una formula di protesta che verrà mantenuta per tutto il ciclo delle lezioni di oggi. Convocato anche un Collegio dei docenti per le 11,30. L'aria che si respira davanti al Liceo in ogni caso è di consapevolezza e di solidarietà tra corpo insegnante e studenti, tutti uniti nella condanna di quello che sembra un vero affronto. All'arrivo dei professori nessun schiamazzo ma anzi anche qualche applauso come nel caso del Prof. Fabrizio Cardarelli o del Preside stesso.
" Ditelo che questa non è una occupazione contro la scuola in generale- dice a TO con decisione la Prof.ssa Giulia Fiorani-ma una consapevole forma di protesta attraverso l'autogestione per il vergognoso comportamento del Comune e della Provincia". Parole durissime che fanno sembrare ancora più incomprensibili le decisioni adottate. Nulla al momento di definitivo sul fronte delle decisioni pratiche.
Sembra che il Preside del Liceo abbia acconsentito, più per non esasperare la situazione che per altro, a far spostare l'attività ginnica per un paio di settimane a S. Anatolia di Narco o S. Martino in Trignano, in attesa di un ripensamento ed una ricollocazione adeguata dell'attività a Spoleto.
Non resta che attendere i colloqui con le Istituzioni previsti, già in giornata.





Hanno occupato il Liceo scientifico “Alessandro Volta” per protestare contro la decisione di Comune e Provincia di far sostenere loro le lezioni di educazione fisica nella palestra di Sant’Anatolia di Narco. Una decisione assurda - il comune della Valnerina dista più di 12 chilometri – che ha mandato su tutte le furie i ragazzi che da pochi minuti hanno indetto una assemblea straordinaria (la maggior parte però resta sul piazzale antistante l’istituto).
La decisione di spostare gli studenti a S. Anatolia sarebbe temporanea, non più di 2 settimane. E dopo? L’alternativa successiva non sarebbe migliore, visto che dai primi di novembre lo Scientifico dovrebbe invece usufruire della palestra di San Martino in Trignano, più o meno a 8 chilometri da Via Martiri della Resistenza, sede del ‘Volta’.
“In un caso ci vuole almeno mezz’ora per andare e altrettanto tempo per tornare, nell’altro venti minuti a viaggio – sbotta una ragazza che mostra i documenti – ci dite quanto tempo rimane per fare educazione fisica?”.
Gli studenti si sentono per di più discriminati. “Classico e linguistico andranno al PalaRota. L’Alberghiero poi ha monopolizzato il vecchio palazzetto, dove ci allenavamo noi. Come mai è stato tutelato così bene l’Alberghiero? Forse qualcuno ha qualche interesse?” dice una rappresentante di classe.
Ironia della sorte, il PalaRota fu costruito negli anni ’90 dalla Provincia proprio come palestra dello Scientifico.



da Tuttoggi.info

giovedì 8 ottobre 2009

Panfili (PDL) : si prendono in giro i cittadini millantando interventi, progetti ed accordi che nessuno ha mai sentito!

Il Consigliere Provinciale del PdL Giampiero Panfili ha interrogato la Giunta Provinciale per sapere se il progetto esecutivo per l’ampliamento del Palarota fosse già stato redatto, quanti fondi erano già stati stanziati, in quali tempi si prevedeva la consegna alla città, quali accordi erano già stati presi con le società sportive interessate etc etc… “Insomma, ho chiesto i dettagli di un progetto che l’amministrazione comunale di Spoleto sostiene ormai da tempo e che, sempre secondo il Sindaco e la Giunta era quanto mai prossimo alla realizzazione. Risposta: Palarota di Spoleto? Non ci risultano lavori, né accordi né tantomeno progetti! In parole povere: niente di niente, se non un incontro informale 4 giorni fa nel quale si è parlato circa i massimi sistemi! La notizia mi sorprende oltremodo, incredulo mi chiedo: ma quando l’attuale amministrazione Comunale di Spoleto in campagna elettorale sbandierava i lavori di ampliamento dell’impianto, richiamando l’attenzione sulla necessità di avere strutture sportive di primo livello e ancora, quando fino a qualche giorno fa la stessa amministrazione dava addirittura date certe circa la fine dei lavori (2010 secondo un comunicato stampa ufficiale ripreso da diversi amministratori locali Giammarco Profili in testa), di che cosa parlava? Esiste forse un altro Palarota a Spoleto del quale nessuno ci ha informato? Sindaco ed Assessori comunali, hanno forse preso accordi per la realizzazione dei lavori con una Provincia diversa da quella di Perugia? – continua sarcastico Panfili – Trovo assurdo che si possano prendere in giro i cittadini in questo modo, con tanto di comunicati stampa ufficiali e risposte in Consiglio Comunale: il progetto esecutivo è già pronto…i lavori finiranno nel 2010…peccato che la Provincia di Perugia, proprietaria dell’impianto, non ne sapesse proprio nulla! Menzogne, bugie e millantati accordi, il tutto dato a bere alla cittadinanza e all’opposizione in Consiglio Comunale! Una vergogna che non ha eguali e, soprattutto, un atteggiamento di sfregio delle istituzioni e del ruolo dei Consiglieri Comunali che tradisce delle due l’una: o la malafede di chi mente sapendo di mentire o, in alternativa, una incapacità politica ed intellettuale tale che non ha fatto comprendere all’amministrazione, la necessità di avvertire il proprietario del Palarota dei lavori di ampliamento, prima di sbandierarne la data di consegna alla città! Mi verrebbe da chiedere al Sindaco ed alla Giunta se magari hanno già messo in vendita i biglietti per l’evento di inaugurazione della nuova struttura! O se magari hanno previsto altri lavori ed altre collaborazioni senza aver informato le controparti. Roba da non crederci… Comunque lasciando da parte per un istante questi amministratori fantasiosi e burloni, più vicini alle carnevalate di Arlecchino e Brighella che alla politica, attraverso l’interrogazione del sottoscritto, ho sottoposto VERAMENTE il problema dell’ampliamento del Palarota alla Giunta Provinciale, raccogliendo la disponibilità dell’Assessore competente. E’ necessario valorizzare il mondo dell’associazionismo sportivo, fatto di giovani atleti, allenatori volenterosi ed appassionati, perché sia sempre di più un momento di aggregazione e di crescita per le nuove generazioni nel rispetto dei sani Valori dello sport.

martedì 6 ottobre 2009

Messina, i rapporti che annunciavano il disastro


C’è una relazione che potrebbe far saltare il banco. L’ha redatta la Protezione civile nell’ottobre del 2008 e l’ha pure consegnata alla Procura della Repubblica. Il disastro di Giampilieri Superiore era realmente un disastro annunciato. Nel documento della Protezione civile siciliana si parla di «rischio idraulico e idrogeologico elevato». Di pericoli «connessi a interventi eseguiti su quelle montagne». Interventi che potrebbero essere stati effettuati «anche in violazione delle vigenti norme del testo unico sulle acque e sulle opere idrauliche e alla normativa edilizia e urbanistica».
La relazione è nata dal protocollo d’intesa siglato tra Protezione civile, Comune e Università di Messina e attraversa dieci anni di storia del territorio. Sotto esame erano finite le alluvioni avvenute in quella zona tra il 1996 e il 25 ottobre del 2007. E in quelle pagine era segnalato come «il dilagare del processo di urbanizzazione abbia reso sempre più critiche le condizioni di vivibilità delle aree più vulnerabili del territorio». La fotografia che era stata inviata alla Procura era indubbiamente impietosa. «Gli alvei dei torrenti – si legge ancora in questo documento – vengono frequentemente utilizzati per la viabilità, le discariche, le occupazioni e le costruzioni abusive ed i parcheggi». La parola magica compare più avanti, quando si parla di «dissesto diffuso» e di «esistenza di elementi di criticità che vanno assolutamente attenzionati al fine di adottare interventi strutturali e non strutturali utili ai fini della salvaguardia della popolazione». Basterebbe questa relazione per chiarire che la tragedia se non era annunciata, era però prevedibile. Il territorio era in crisi, il pericolo di crolli e frane concreto e imminente. Insomma, qualcosa si doveva fare e non si è fatto.
È per questo motivo che è scattata l’inchiesta della Procura. È per questo motivo che la Procura ha incaricato il medico legale Fabrizio Perri di eseguire l’esame esterno su 19 dei 24 corpi sin qui estratti dalle macerie e dal fango. L’obiettivo è capire qualcosa di più, analizzando anche le condizioni delle salme. Su tutte e 19 è stata eseguita una tac, insieme alla visita esterna. Gli altri cinque cadaveri verranno esaminati nei prossimi giorni e lo stesso accadrà per tutte le vittime di questa tragedia. Nella speranza che serva a capire qualcosa in più. E mentre ieri sera il capo del Dipartimento della Protezione Civile, Guido Bertolaso, ha rassicurato sul numero dei dispersi, «c’è la ragionevole certezza che siano nove e non 35-40» ha detto a Porta a Porta, il procuratore capo Guido Lo Forte continua a raccogliere informazioni per quel che riguarda l’inchiesta vera e propria. Al momento non ci sono indagati, ma potrebbe essere solo questione di tempo. L’inchiesta, fin qui, è stata solo conoscitiva, ed è servita ad accertare le tragiche conseguenze del nubifragio della notte tra giovedì e venerdì che ha flagellato la zona sud di Messina e provocato morte e devastazione. Il reato ipotizzato per il momento è quello di disastro colposo. Il sostituto procuratore Francesca Ciranna e gli aggiunti Franco Langher e Ada Merrino che hanno in mano il fascicolo hanno dato mandato ai Carabinieri di avviare l’attività di indagine che si sta concentrando sulla raccolta di tutto il materiale che può avere un significato, non soltanto legato all’ultimo tragico evento ma anche a tutto quel che è accaduto durante e dopo la sera del 25 ottobre del 2007, il giorno della prima devastante alluvione di Giampilieri che provocò danni ingenti ma per fortuna non morti. In quell’occasione erano stati predisposti interventi, mai effettuati. La magistratura cercherà di stabilire se ci siano responsabilità amministrative per quel che non è stato fatto e valuterà eventuali colpe dirette o indirette. Sin qui aveva a supporto solo testimonianze e dichiarazioni. Il documento della Protezione civile potrebbe dare una prima svolta all’inchiesta. Qualcuno sapeva, anzi doveva sapere. Ma nessuno ha fatto quel che era giusto fare: intervenire sulle criticità del territorio di Giampilieri e Scaletta, mettere in sicurezza quelle zone. Fare in modo che venissero eliminati i pericoli, per evitare la tragedia di questi giorni. O almeno, questo è ciò che cercherà di accertare la Procura di Messina. Trovare un colpevole, però, non servirà ad attenuare il dolore dei familiari delle vittime. Vittime di un evento meteorologico fuori dalla norma, vittime, forse, di un dissesto idrogeologico per il quale bisognava fare qualcosa.

martedì 29 settembre 2009

BERLUSCONI: A L'Aquila un nuovo miracolo italiano


"Il piano di costruzione degli alloggi per i terremotati d’Abruzzo, procede come previsto. Stiamo riuscendo nel miracolo". Lo ha affermato il presidente Berlusconi, intervenendo telefonicamante alla trasmissione ’Unomattina’. "Come promesso in cinque mesi consegnamo i primi 400 appartamenti".
Berlusconi ha espresso la sua "grande soddisfazione, la sua grande gioia" per la consegna delle case, che "saranno piu’ sicure, piu’ solide" di quelle cadute o lesionate e "in grado di affrontare terremoti anche di maggiora danno" di quello del 6 aprile scorso. Il nostro presidente del Consiglio ha osservato che "non ci sono cose in negativo, cose che abbiamo il dispiacere di non essere riusciti a realizzare". Certo, i tempi per la ricostruzione del centro storico de L’Aquila saranno piu’ lunghi, forse ci vorranno piu’ di 5 anni", magari "7 anni" ma "tutto tornera’ come prima". Berlusconi ha voluto ricordare gli impegni presi dai leader del G8 per contribuire alla ricostruzione. "Il ministro Bondi e’ impegnato tutti i giorni in contatti con i suoi colleghi dei Paesi che si sono impegnati a contribuire a ricostruire" chiese, monumenti lesionati dal sisma. "Dobbiamo essere sicuri che soprattutto le chiese torneranno come erano, e forse meglio, prima del terremoto". Il premier infine, di fronte alle sollecitazioni che arrivano sull’universita’ del capoluogo abruzzese, assicura che l’ateneo aquilano sara’ ricostruito in tempi rapidi e con l’obiettivo di farne "una universita’ di eccellenza, di livello internazionale". Gli appartamenti che vengno consegnati ai terremotati diventeranno, una volta completata la ricostruzione e lasciati liberi dalle famiglie che saranno tornate nelle proprie abitazioni, alloggi per gli studenti realizzando cosi’, un campus universitario".

domenica 20 settembre 2009

Panfili all'Assemblea degli Eletti

Cari amici,
cari colleghi e Dirigenti di Partito

prendo la parola in questa sede nella doppia veste di Consigliere Provinciale e, mi verrebbe da dire soprattutto, in quella di affezionato militante di questo partito. Un’esperienza politica la mia, che non mi permette di scindere le due cose, vengo da una tradizione politica lontana e, come tutte le abitudini di vecchia scuola, difficile da cambiare! Finalmente l’occasione utile per confrontarci su alcuni temi quotidiani, per riflettere su questioni cui dobbiamo dare risposta in primis a noi stessi, quali militanti di un movimento che non deve avere la presunzione né solo l’ambizione di essere il primo partito italiano ed europeo, ma che deve puntare all’affermazione di quei Principi e di quelle Idee che guidano la nostra vita nell’esperienza di tutti i giorni.

Abbiamo sempre sentito la necessità di un confronto e, come primo spunto, vorrei sottolineare che l’appuntamento di oggi è già tardivo. Siamo stati catapultati in una realtà di Partito unico senza aver prima costruito i necessari legami propri di una Comunità umana, prima che politica con tutte le difficoltà e le contraddizioni che ne sono conseguite. Un Partito è unità di singoli uomini che si ritrovano in una battaglia comune forti di Valori ed Idee condivisi. Non è ammissibile un Partito che sia la casa di tutti, ben vengano le più aspre differenze e distinguo purchè non si arrivi a contraddizioni interne che sviliscono l’essenza stessa del movimento. Rifiuto di appartenere ad un mondo costruito solo sul grande carisma del suo leader, i partiti, quelli di “vecchia” e sana memoria sono sopravvissuti, pur essendo nel frattempo cresciuti e cambiati, ai loro leader, perché forti di un patrimonio e di un retro-terra culturale che oggi dobbiamo riscoprire insieme. Per questo motivo avrei voglia di capire fino in fondo: cos’è il PDL! Un Partito di ex è una definizione che non possiamo accettare e che non vogliamo sostenere davanti alle nostre comunità di militanti.
Un accozzaglia di ex che si ritrovano insieme per essere contro la sinistra e le sue bugie, non è una bandiera che può infiammare gli animi dei nostri militanti né smuovere le coscienze di chi oggi è politicamente altrove! “Dovevamo unire due organigrammi, perché il popolo del Pdl era già coeso, era già un tutt’uno, era già più avanti rispetto ai due partiti!” Rischiamo semplicemente di raddoppiare una classe dirigente che è già somma di personalismi! Nello scacchiere politico, se non abbiamo una forte personalità, individuale e di Partito, dobbiamo ricorrere a squallide logiche di personalismo per dover tutelare piccole posizioni di rendita che risultano incomprensibili ai nostri elettori. Il punto è dunque quello di recuperare da subito il tempo perso, costruire immediatamente un Partito che sappia mostrare i muscoli e che sia pronto a gettare il cuore oltre l’ostacolo. Occorre che da subito si prevedano momenti di incontro e di confronto, non tra di noi (seppur utilissimi), ma direttamente con la nostra gente, quella che non si candida e che troviamo nelle nostre sedi al momento delle elezioni, i militanti, i simpatizzanti, i volontari. Non voglio un partito di rappresentanti eletti, se si corre il rischio di mandare nei consessi elettivi persone prive di rappresentatività! Non entro nelle polemiche nazionali, e non sono d’accordo con alcune dichiarazioni del Presidente Fini, ma su di una cosa ha ragione: non c’è ancora dentro questo partito una sede dove poter dire di non essere d’accordo!
In maniera telegrafica, vi sottopongo alcune questioni:

- recuperare immediatamente il contatto con gli iscritti, che non può essere gestito dai singoli, e che è il momento migliore per valutare la rappresentatività effettiva di ognuno e la sede ideale per istituire il laboratorio politico di cui abbiamo bisogno! Lamentavamo, all’interno di AN, come anche dentro FI, una certa oligarchia – per non dire monarchia di leader – a ricaduta non possiamo permettere che ciò si verifichi nei territori. E quindi chiedo l’istituzione di organi, magari soltanto provvisori in attesa delle direttive nazionali che meglio struttureranno il movimento, adibiti al confronto dove valorizzare prima degli eletti, i militanti, che sono i nostri veri elettori. Quante volte abbiamo denunciato l’incompatibilità tra eletti e coordinatori: oggi abbiamo la possibilità di cambiare le cose.

- Istituire immediatamente un’assemblea di soggetti incaricati dell’appuntamento elettorale regionale, nella quale chiarire quelle che sono le nostre aspettative. Se davvero vogliamo vincere la Regione dell’Umbria dobbiamo mettere in campo le nostre migliori forze, il che significa candidare tutti quei soggetti che hanno dimostrato un peso consistente, nessuno escluso, anche a costo di sacrificare qualche piccola e trascurabile riserva di voti personali. Una classe dirigente non può avere paura della crescita del partito né tantomeno, può anteporre il proprio successo personale agli interessi - non dico del movimento - ma dell’intera popolazione umbra, che da troppi anni ormai attende un cambio di gestione politica!

La parola d’ordine, e scusate ancora l’ennesima espressione da passionale militante, deve essere quella di “strutturarci”, forti dell’entusiasmo che ancora ci circonda e dei successi che il Governo porta a casa quotidianamente, organizzati, decisi e combattivi per essere pronti, da subito, a vincere – e quando dico vincere, non mi riferisco ad una spartizione di poltrone, ma a quella rivoluzione culturale e politica che a livello nazionale è già cominciata e che, in Umbria, sta aspettando soltanto noi! Ci chiedono di volare più alto…non possiamo sottrarci a questa sfida!


Giampiero Panfili
Consigliere Provinciale PdL

venerdì 18 settembre 2009

Sgozzata dal padre, ma per l’Unità è colpa di Berlusconi

Sanaa non è stata uccisa solo da suo padre, il quale ha deciso che piuttosto che vedere la figlia fidanzata con un italiano era meglio sgozzarla e lasciarla morire dissanguata come un animale. Già da ieri sapevamo che la colpa è tutta della ragazza, parola di sua madre. Ma da ieri sappiamo anche, grazie all’Unità, che è colpa degli italiani, dell’Italia che ha dato “una mano alla mano assassina”. Non stiamo scherzando. Prendete l’articolo pubblicato dal giornale di Concita, che si è sempre tanto spesa per le donne e i loro diritti. E’ tutto lì, scritto chiaramente, senza tanti giri di parole. Sì, siamo noi i colpevoli, con “la bassa considerazione che abbiamo delle donne”. E la Lega, che ha osato collegare lo squallido omicidio all’Islam, dovrebbe solo vergognarsi. Di più: secondo la giornalista somala che ha scritto il pezzo, dovrebbe pure scusarsi con la comunità musulmana, magari (aggiungiamo noi) con la madre di Sanaa, che ha già perdonato il povero marito sgozzatore indiscutibilmente provocato dall’atteggiamento della figlia diciottenne. D’altronde, cosa volete… “in Italia una donna viene uccisa ogni due giorni, i numeri parlano chiaro: le donne sono in pericolo”. E perché sarebbero in pericolo? Beh, per colpa di Berlusconi, ovviamente. “Ricordiamoci che siamo nell’Italia delle escort, e molti nel Paese trovano normale prostituirsi per raggiungere un posto di potere”. Il pericolo per le donne è legato “allo squilibrato rapporto tra i sessi, al continuo considerare la donna una merce”.
E’ difficile commentare questa spazzatura, questo passare sopra i morti per dare comunque addosso a Berlusconi. Collegare lo sgozzamento di una ragazza colpevole solo di essersi innamorata di uno straniero alle escort (e quindi al Presidente del Consiglio) è qualcosa di subdolo, di schifoso, di infame. E poi parlano tanto di libertà di stampa, gridano all’attentato alla libertà quando piovono le querele. Se la libertà di stampa è questa, forse è meglio ripensarne il concetto. Perché questa è unicamente libertà di vomitare letame.

giovedì 17 settembre 2009

Kabul,attacco agli italiani:6 morti. AG piange i suoi militari

Cari amici, ancora una volta l'ITALIA piange i suoi figli morti per una nobile causa, la difesa della libertà. Questa mattina sei militari del corpo paracadutisti della Folgore hanno perso la vita mentre scortavano un veicolo afghano a Kabul.Azione Giovani Spoleto ricorda i propri martiri. Questi attacchi non fermeranno la nostra missione, non fermeranno la nostra volontà di riportare la Libertà in un Paese che da poco tempo sta riassaporando i valori di una sana democrazia.


In Alto i Cuori.

mercoledì 16 settembre 2009

Angelo 'fiume in piena' Loretoni

Quando si dice "non avere paura di nulla". Angelo Loretoni, candidato a sindaco per il centrodestra alle scorse comunali, attualmente capo dell'opposizione, torna a battere sulla questione polizze assicurative nelle partecipate, non disdegnando di toccare anche il tasto sanitàe gestione dei malati più anziani.Oggi pomeriggio, durante le comunicazioni nella seduta del consiglio comunale, il capogruppo ha dapprima lamentato la lentezza - a suo modo di vedere - con la quale l'amministrazione risponderebbe ai quesiti e alle interrogazioni dei vari consiglieri e, a tal proposito, ha proposto l'istituzione di un Question time (la cui convocazione, entro breve, è stata confermata dal presidente del consiglio Lisci), con risposta immediata da parte del sindaco e della giunta.Dopodiché, prendendo spunto dall'avvenuta cessazione della gestione del cimitero comunale da parte di una ditta privata, e la mancata assegnazione dei lavori all'Ase causa necessità di appalto pubblico, Angelo Loretoni si è lanciato in una disquisizione a 360 gradi sul mondo delle partecipate, sui loro consigli d'amministrazione e sulla gestione delle polizze assicurative."Si tratta di un precedente molto importante - ha dichiarato l'ex candidato sindaco - perché se i lavori che una volta erano dati in affidamento diretto alle partecipate ora devono essere appaltati, allora vuol dire che occorre ridisegnare tutto il sistema relativo a questo tipo di aziende". Poi L'affondo più eclatante, su di un argomento che a Loretoni è già costato una querela durante la campagna elettorale. "Sto verificando le assicurazioni stipulate dalla Valle umbra servizi, ed ho appurato che quasi tutte le polizze sono state contratte con l'Unipol. Un ex membro del consiglio d'amministrazione Vus (Angelo Mariani, vale a dire colui che ha querelato Loretoni, ndr) fa parte dell'Unipol. Ora il consiglio d'amministrazione è cambiato (la scorsa settimana, ndr), ma rimane il fatto che il conflitto di interessi è stato perpetrato negli ultimi cinque anni. Poi ce ne sono anche altri, all'interno delle varie partecipate". Visibile, un sorriso imbarazzato ha attraversato i volti di più di un consigliere, non soltanto quelli di maggioranza. Anche perché l'irriducibile capo dell' opposizione è repentinamente passato all'argomento sanità, con particolare riferimento all'assistenza dei più anziani."Questo servizio - ha spiegato Loretoni - è strutturato su tre livelli: c'è l'assistenza a domicilio, poi in una struttura convenzionata in affidamento diretto e poi, infine, il ricovero in ospedale, in stanze triple, piccole, dove spesso gli anziani in fase terminale si trovano a contatto con pazienti giovani. Attorno a questo che non esito a definire ‘affare', visto che di soldi si parla anche se c'è collegato un aspetto sociale importantissimo, gravitano l'Azienda sanitaria locale e alcune cooperative. Tempo fa avevo chiesto in commissione se mai si fosse presentata, in passato, qualche azienda privata con una sua proposta di gestione, come avviene in alcuni Paesi limitrofi al nostro, ad esempio Germania e Svizzera. Mi è stato risposto di no, ma sto indagando in merito e sono già venuto a sapere che un gruppo di imprenditori si era effettivamente fatto avanti, proponendo l'utilizzo di tecnologie tedesche per la gestione della sanità locale. Ritengo - ha concluso Loretoni - che sarebbe oltremodo auspicabile portare anche a Spoleto questo tipo di aziende, in previsione di un sempre maggior numero di anziani visto anche l'allungamento della vita media".
di Daniele Ubaldi

martedì 15 settembre 2009

Il Pd sfotte i terremotati: "Comparse" Ma oggi inizia la consegna delle case

Si può sempre fare di meglio, lo sappiamo. Il Creatore in sei giorni ha montato l'universo, talmente bene e talmente in fretta da concedersi persino un giorno di riposo alla fine del maestoso bricolage. Ma a Berlusconi, che pure non ha mai nascosto di considerarsi soltanto un gradino sotto, nemmeno il più carogna degli avversari potrebbe onestamente chiedere di meglio. Cinque mesi dopo il terremoto criminale, le prime case sono pronte. Case vere, come si compiace di specificare il premier, non baracche e container. Oggettivamente un enorme salto di qualità per la fulgida tradizione di questa garrula nazione, dove da sempre i terremotati invecchiano malinconicamente nell’attesa di chissà quando, veri precari della vita.Sembrerebbe un bel momento. È un bel momento. Eppure nemmeno questa volta si riesce a gustare l’avvenimento in normale serenità. Così Franceschini, capo dell’opposizione, partecipa alla simbolica consegna: «È un reality in cui i terremotati sono trasformati in comparse». La dichiarazione trasuda un’incontenibile partecipazione umana, diciamo.Ora: è vero che l’opposizione dura non può permettersi cedimenti sentimentali e ciglia umide. È vero che la vicenda Vespa-Floris pesa come un macigno sull’intera vicenda. Ma reality per reality bisognerebbe pur dire che comunque questo si presenta come il più bel giorno italiano di un brutto 2009, o uno dei più belli. Un giorno di tenue speranza. Un giorno di tiepida consolazione, perché quanto meno dimostra - in dosi ancora omeopatiche - che anche noi, dannazione, quando decidiamo di fare le cose seriamente, seriamente le facciamo.Questo e altro, tutto quanto sovrastato dai timidi sorrisi dei primi aquilani messi a dimora, dovrebbe sconsigliare almeno il sarcasmo politico. Ci sono famiglie che hanno sofferto una tragedia, che sono rimaste senza nulla, che sotto le tende hanno trepidato nelle gelide notti di aprile e nelle torride giornate d’agosto: queste stesse famiglie adesso si sistemano in abitazioni decorose, realizzando un sogno, e non è per niente elegante dire che saranno comparse di uno squallido reality. Almeno loro, almeno la sincerità e la serietà del loro sollievo, dovrebbero restare fuori da questo nuovo pollaio politico.Certo il premier non è tipo da comprimere dentro di sé la soddisfazione delle proprie opere. Questa sfida dell’Aquila l’ha preso molto più di tutte le altre, sin dall’inizio. L’ha mandata avanti nel suo stile pop, con lo stesso, cocciuto, tenace orgoglio di quand’era solo imprenditore, puntando dritto al risultato. E adesso che il risultato c’è, inutile chiedergli di sparire dalla scena: non è da lui. Passionale com’è, per nessun motivo al mondo si perderebbe il gusto di questa vittoria. Dei primi sorrisi all’Aquila. Se non fosse che alle spalle rimane comunque un dramma epocale, se non fosse che ancora tante famiglie restano in attesa delle prossime case, lo vedremmo ballare sui tavoli, scamiciato e canterino. Non è escluso che lo faccia, alla consegna dell’ultimo trilocale. Lui e Bertolaso, in coppia, come due reduci a fine guerra.I commenti acidi di Franceschini rinfocolano invece l’idea della bassa speculazione, di un premier cinico e bieco che usa la catastrofe per sgraffignare consenso. È l’eterna teoria del potere ruffiano e paternalista, che ha nell’icona dei Gava e delle scarpe regalate agli elettori la massima rappresentazione. Ma mettiamo pure che Franceschini sia il più lucido, il più scafato, l’unico a vederci chiaro. Attribuiamo al premier le più squallide motivazioni. E diciamo pure che i terremotati si prestano a fare da povere comparse nei suoi spottoni televisivi. Che ci resta?Una volta tanto, ci resta comunque un innegabile capolavoro di pronto intervento e di solidarietà umana. Ci resta, una volta tanto, la consapevolezza che i fatti possono vincere sulle parole. È moltissimo. Alla politica, da tempo, nessuno si sogna più di chiedere un mondo incantato: basta che faccia quello che serve, possibilmente bene, possibilmente presto. Il reality che non piace a Franceschini è esattamente quello che in aprile, all’indomani delle scosse mortali, gli aquilani chiedevano. Come dimenticarli. Lo chiedevano le nonne sedute sotto il sole, in attesa di una tenda, fuori dal campo sportivo. Lo chiedevano i padri di famiglia con i loro quattro stracci in spalla, senza sapere cosa dire ai bambini che tenevano per mano. Chiedevano, imploravano, pretendevano una casa sicura, il prima possibile. Prima dell'inverno. Saranno pure ingenue comparse, ma questo hanno ottenuto. La casa. Una realtà più solida di qualsiasi reality.

giovedì 10 settembre 2009

L'incontro del Presidente Berlusconi con la Giovane Italia

"I nostri giovani sono missionari che devono andare a divulgare il verbo della realtà e dell’ottimismo". Così il presidente del Consiglio e leader del Pdl, Silvio Berlusconi, si è rivolto agli oltre 8 mila giovani del Popolo della libertà, per la prima volta insieme, che hanno preso parte alla giornata inaugurale di ‘Atreju '09 – Oltre ogni muro’, da quest'anno festa della Giovane Italia. Sul palco a moderare il confronto ‘senza rete’ il ministro della Gioventù e leader della Giovane Italia, Giorgia Meloni, con la quale il premier si è intrattenuto in simpatici siparietti.
L'arrivo di Berlusconi è stato caloroso: entrata dall'ingresso principale e passerella tra gli stand e colonne di persone ai suoi lati, nelle vie dai nomi goliardici ('Via Castro da Cuba', 'Piazza delle maestre di italiano vittime di Di Pietro', 'Largo san Walter protettore del Pdl'). Poi sul palco, dopo gli iniziali applausi e il coro 'Silvio, Silvio, Silvio', il premier ha cantato l'inno di Mameli assieme ai giovani e ha iniziato a impartire loro una lunga lezione sull'attività di governo. Ha promesso misure edilizie in favore dei giovani, garantito che verrà cambiata la Costituzione per consentire ai diciottenni di essere eletti alla Camera e ai venticinquenni al Senato, annunciato la riforma dell’Università che premierà il merito e ha anticipato di lavorare alle celebrazioni in 100 città italiane per il ventennale della caduta del Muro.
Una platea gremita e attenta che ha riso quando Berlusconi ha indicato a chi gli ha fatto una domanda la posizione giusta per essere in favore di telecamera. O quando Giorgia Meloni ha provato a interromperlo e si è presa un affettuoso rimbrotto: “Ora parlo io – ha sorriso il Cavaliere - perché in Consiglio dei ministri parli solo tu... Mi sto prendendo una piccola rivincita...”.Berlusconi poi, nei quasi 90 minuti del suo intervento, ha anche parlato del Pdl: un partito “aperto” e “liberale”, al limite dell'anarchico e dunque pronto ad accogliere le idee di tutti e a battersi per difenderle. Certo, il primo “movimento del centrodestra, che punta a diventare veramente maggioritario nel Paese” arruolando “tutti i moderati e liberali italiani”, ha anche bisogno di “missionari della realtà”. Un partito che si affida alle scelte “di coscienza” sui “temi etici” e dunque che “non è una caserma”. “Rispetto la libertà di espressione – ha sottolineato il premier - perché siamo dei liberali e siamo pronti a lottare perché ciascuno possa esprimere la sua libertà”.Un confronto molto positivo dunque che ha trovato il leader del Pdl molto compiaciuto, così come lo è stato quando i giovani lo hanno applaudito per il saluto finale e hanno ricambiato con la frase: “La nostra patria è laddove si lotta per la libertà”.
Non prima però che ad Atreju ’09 fosse scattata una delle foto più belle e rappresentative: nella suggestiva cornice all’ombra del Colosseo sul palco è salita la campionessa mondiale di nuoto Federica Pellegrini per ricevere dalle mani del ministro della Gioventù e del presidente del Consiglio il ‘Premio Atreju ‘09’ quale ‘simbolo di una generazione che con grande sacrificio mette a frutto il proprio talento compiendo imprese sportive in grado di stupire il mondo intero’.

mercoledì 9 settembre 2009

BERLUSCONI: Il voto agli immigrati è un subdolo stratagemma comunista

"Il fatto che non ci sia liberta’ di stampa in Italia e’ una barzelletta di questa minoranza cattocomunista e dei suoi giornali che purtroppo sono il 90%. Liberta’ di stampa non e’ liberta’ di mitificare, di insultare e di calunniare e per questo mi sono rivolto alla magistratura". Lo ha affermato il presidente Silvio Berlusconi che è intervenuto a ’Mattino cinque’, la trasmissione di Canale 5, parlando delle polemiche suscitate dopo la presentazione delle querele alla Repubblica e all’Unita’ e della mobilitazione che la Federstampa si appresta a organizzare."Il diritto alla riservatezza è violato sistematicamente dalla sinistra. Nei miei confronti è in atto una campagna eversiva, perché è contro la volontà del popolo. L’ho detto e lo ripeto: povera Italia. Credo che si dovrebbe interrompere qualunque campagna che attacca chiunque su basi false e calunniose".
Sui rapporti col Vaticano, il premier ha osservato: "I rapporti del governo e miei personali con chi guida con prestigio e autorevolezza la Chiesa cattolica sono eccellenti da sempre e sono stati alimentati da un dialogo continuo e tali continueranno a essere".Quanto alla possibilità di dare il voto agli immigrati, il nostro presidente ha commentato: "E’ un subdolo stratagemma che i comunisti immaginano per garantirsi una futura preminenza elettorale. Gli italiani hanno chiaro che Berlusconi difende la sicurezza di tutti gli italiani, evitando che i signori della sinistra aprano le frontiere a chiunque. Il risultato sarebbe un’Italia alle prese con un numero crescente di clandestini, cui la sinistra vorrebbe concedere nel giro di breve tempo la cittadinanza e quindi il diritto di voto. Con questo subdolo stratagemma i comunisti immaginano di garantirsi una futura preminenza elettorale"."In questi 14 mesi di governo abbiamo fatto così tante cose che vado orgoglioso di tutto quello che abbiamo fatto il bilancio lo hanno fatto gli italiani con i loro ultimi voti: ricordo che dopo le politiche abbiamo vinto le regionali in Abruzzo e Sardegna, abbiamo consolidato il nostro primato alle europee e conquistato un numero di amministrazioni locali senza precedenti. Questo è il giudizio degli italiani che viene confermato anche dai sondaggi secondo i quali io veleggio verso il 70% dei consensi. E un primato ineguagliato in tutte le democrazie occidentali dopo un anno di governo. Abbiamo fino ad ora rispettato tutti gli impegni che avevamo assunto in campagna elettorale, dai rifiuti a Napoli all’Alitalia e stiamo riducendo la spesa pubblica e gli sprechi".
Berlusconi è ritornato a parlare dei rapporti con la Libia "C’è qualcuno a cui dispiace che ci arrivino il petrolio e il gas libico o dell’Algeria per meglio ripartire le forniture di energia di cui abbiamo assoluto bisogno?. C’è qualcuno che pensa ancora che le conquiste coloniali siano state una cosa giusta? C’è qualcuno che pensa che sia sbagliato investire sullo sviluppo dell’Africa? C’è qualcuno cui fa dispiacere che le nostre imprese si aggiudichino i più importanti lavori per le infrastrutture dei paesi della costa mediterranea?. C’è qualcuno che ha una proposta credibile per coinvolgere la Libia nella strategia di contrasto all’immigrazione clandestina? Ecco io ai comunisti e ai cattocomunisti ho continuato a porre queste domande precise e nessuno di loro ha saputo rispondermi".
Il Presidente ha sottolineato inoltre che la crisi economica è ormai alle spalle: "Che la crisi economica stia finendo non lo dico soltanto io. Intanto dico che c’è bisogno di fiducia e ottimismo perché con il pessimismo e il catastrofismo della sinistra e dei suoi giornali, la crisi peggiora. Che il peggio sia passato l’ha detto nei giorni scorsi il Fondo monetario internazionale, lo ha detto la Commissione Europea, quindi non lo ha detto soltanto il presidente del Consiglio italiano".
E infine il punto sull’azione del governo nel post terremoto in Abruzzo. "Alla fine di questo mese cioè solo dopo cinque mesi, nessuno starà più nelle tendopoli. Il 15 settembre consegnerò personalmente le prime villette e i primi appartamenti e termineremo come annunciato, entro l’anno. Nessuno pensava che questo fosse possibile, soprattutto i nostri avversari, e invece il miracolo è avvenuto".

venerdì 4 settembre 2009

Vedova e invalida civile licenziata dopo 20 anni di servizio... Azione Giovani è pronta a mettere in atto qualsiasi protesta

Quando si dice "crisi ponderata". Avrebbe tutto il sapore della beffa la storia occorsa ad un'operaia spoletina, vedova e per di più invalida civile, se non fosse che in realtà si tratta di un vero e proprio scandalo, giustificato dai responsabili con l'alibi della crisi economica. "Da circa 20 anni - racconta la donna - lavoravo in un'industria di Spoleto. Agli inizi eravamo più o meno un centinaio di colleghi, poi con gli anni è andata crescendo la crisi economica, al punto che negli ultimi tempi, fra operai e impiegati, eravamo rimasti non più di una 20ina di dipendenti".Poi, verso la fine dello scorso maggio, la dirigenza ha deciso di ridurre ulteriormente l'organico, predisponendo altri nove licenziamenti, quattro dei quali a giugno mentre i restanti cinque a settembre. "Addirittura - ricorda l'operaia - la proprietà aveva deciso di licenziarci senza la mobilità. Poi però l'intervento dei sindacati ha fatto cambiare idea all'azienda".Se non che, al momento di stabilire chi avrebbe dovuto andare in mobilità, la donna - che, oltre ad essere vedova ed invalida, lavorava là da 20 anni - è stata inserita fra i primi quattro operai che avrebbero dovuto lasciare l'azienda il mese successivo."Ho sempre lavorato con serietà e impegno - racconta - senza mai portare un certificato medico. Finché, nel 2004, c'è stato il grave incidente stradale, nel quale ho perso mio marito. Prima di tornare al lavoro ho subito due interventi chirurgici con altrettanti ricoveri in ospedale. Dopodiché, il mio rendimento potrebbe aver subito una leggera flessione, ma è anche vero che da cinque anni sto attraversando un periodo difficile, aiutata da medici specialisti del settore". Fatto sta che la donna si è vista dare inaspettatamente il benservito dopo tanti anni di servizio.Fosse finita qui, la storia sarebbe stata di certo amara ma non eccezionale, purtroppo. Infatti, il mondo del lavoro è orami costellato di casi simili a questo. Ed invece, ciliegina sulla torta, dopo neanche 3 mesi dal suo licenziamento l'operaia è venuta a sapere che l'azienda ha assunto altre due dipendenti, con profili simili al suo. Il tutto senza prima avvisare gli operai già messi in mobilità. Facile immaginare lo stato d'animo della donna: già depressa dalle sue vicissitudini familiari, l'operaia si sente ora presa in giro dai suoi ex datori di lavoro. Presa in giro sì, ma di certo non ancora rassegnata. Sul caso, infatti, è al lavoro gli avvocati dell'operaia, i quali stanno valutando l'atteggiamento tenuto dall'azienda dal punto di vista giuridico. Molto probabile, alla luce degli elementi sinora emersi, che della vicenda possa a breve occuparsi la magistratura ordinaria. In attesa che la giustizia faccia il suo corso, e che dia ragione ad una delle due parti, la domanda da porsi nell'immediato è la seguente: è moralmente ammissibile tutto ciò? E' rispettoso dell'essere umano e della cognizione stessa del termine "lavoro"?"Reputo vergognoso dal punto di vista lavorativo, imprenditoriale, etico, morale e civile l'atteggiamento dell'azienda protagonista della triste storia", dichiara il consigliere provinciale spoletino Giampiero Panfili, presidente della Commissione Controllo e Garanzia. "Credo che in uno Stato di diritto come, almeno in teoria, è il nostro, sia inammissibile che una vedova, per di più invalida civile, venga licenziata malgrado i suoi 20 anni di servizio e per di più senza giusta causa, mentre dipendenti con meno anzianità e con i suoi stessi profili rimangano regolarmente al loro posto. Ancor più abominevole, e meritevole di approfonditi accertamenti - conclude Panfili -, è la mancata comunicazione del possibile reintegro in organico di due dei quattro operai già in mobilità, che di recente sono stati sostituiti con altrettanti lavoratori di nuova assunzione".

giovedì 3 settembre 2009

La spinosa questione del PalaRota approda in Provincia: interrogazione del consigliere Panfili (Pdl)


Oggetto: Palarota di Spoleto. Premesso che:

- la struttura sportiva Palarota di Spoleto è di proprietà della Provincia di Perugia;

- detto impianto ospita numerose attività che vanno dalla pallavolo, alla ginnastica artistica, al calcio a 5 nonchè viene utilizzato anche dalle scuole per particolari iniziative.


Considerato che:

- la città di Spoleto ha raggiunto importanti traguardi di carattere sportivo e che quindi la struttura del Palarota non è più sufficientemente capiente per gli impegni di carattere nazionale, non avendo ricevuto l'apposita omologazione;

- la capienza del Palarota, che dovrebbe aggirarsi intorno ai 1400 posti, è stata drasticamente ridotta agli attuali 700 per garantire il rispetto delle norme sulla sicurezza;

- il Comune di Spoleto, pare abbia previsto la realizzazione di una nuova tensostruttura di circa 99 posti;

- contestualmente si parla di lavori di ampliamento dello stesso Palarota che dovrebbero portare la struttura ad una capienza di oltre 2000/2500 persone entro ottobre del prossimo anno.


Il sottoscritto Consigliere Provinciale del PdL Giampiero Panfili INTERROGA la S.V. per sapere:

- se il progetto esecutivo di ampliamento del Palarota con tutti i relativi allegati, sia già stato redatto;

- quanti fondi siano già stati stanziati e a quanto ammonta l'intera spesa;

- quali tempi si prevedono effettivamente per la consegna dell'impianto alla cittadinanza e se siano già stati presi accordi circa l'affidamento della gestione;

- se non si ritenga opportuno concordare detti lavori con le società sportive che vi operano al fine di ridurre al minimo i disagi per queste realtà;

- come si concilia questo progetto con quello che ha in mente l'Amministrazione Comunale di Spoleto e se tra i due Enti vi sia stato coordinamento nelle scelte.

martedì 1 settembre 2009

Il mistero del Palatenda 1: Profili (Gruppo Misto) interroga la Giunta Comunale


Ho appreso dagli organi di stampa della decisione della Giunta di terminare la realizzazione della tensostruttura per la capienza max di 99 persone. Questo significa, dopo la riduzione del palaRota a circa 700 forse aumentabile a 1000 spettatori, che la città di Spoleto non avrà percirca un anno quelle struttura capaci di ospitare manifestazioni di un certo livello o, qualora si riuscisse ad organizzarle, non si darà l'immagine di una città attrezzata per eventi sportivi con connotazioni turistiche. La data ipotizzata per completare l'ampliamento del palaRota è ottobre 2010: solo questo ad oggi infatti ci è dato sapere perché nel comunicato diramato dal Comune si precisa che il progetto esecutivo è già pronto, però non si specifica né quali siano i rapporti con la Provincia né con quali soldi verrà realizzato.Anche sulla esistenza del progetto esecutivo nutro molti dubbi, perché nella giornata odierna al sottoscritto ed al collega Angelo LORETONI dagli uffici della Direzione PAT, alla richiesta di poter visionare gli allegati necessari per poter parlare di progetto esecutivo, ci è stato riferito che non ne conoscevano l'esistenza. Al massimo sono convinto che esista il progetto di fattibilità, troppo poco perché l'ampliamento possa essere realizzato in tempi così brevi come quelli annunciati dalla Giunta. Sono da definire anche i rapporti di gestione tra Comune e Provincia e le modalità di finanziamento dell'ampliamento del PalaRota che saranno oggetto di una interrogazione del Consigliere Provinciale Giampiero PANFILI.Ho manifestato le mie perplessità sulla tensostruttura esprimendo un voto di astensione, come risulta dai verbali di consiglio comunale, perché ritenevo che quello individuato non fosse il sito adatto e soprattutto perché gli atti che la Giunta nel tempo aveva prodotto, erano ambigui e rischiavano solo di far perdere tempo e di ostacolare la realizzazione di quella struttura polivalente capace di contenere dalla 2500-3000 persone così necessaria per la nostra città! Una struttura troppo spesso promessa e mai realizzata, utile per la nostra tradizione sportiva ma anche per ospitare manifestazioni sportive di caratura internazionale, oltre ad attività diverse quali quelle dello spettacolo in genere.Nei passati cinque anni si era parlato del nuovo palasport, per poi accorgersi che il nuovo Piano Regolatore Generale non prevede un area per la sua realizzazione. Si è parlato dell'ampliamento del palaRota, che oggi viene descritto come la panacea di tutti i mali. Al di là dei soliti proclami di ampliamento che risalgono già all'indomani della costruzione del palazzetto e che ogni volta vengono tirati fuori, oggi, dopo cinque anni in cui l'attuale Sindaco era il Vice di Brunini, la città si trova ad avere un PalaRota sensibilmente ridotto nella sua capienza e una tensostruttura per la quale sono stati spesi dei soldi per ampliarne le dimensioni iniziali e fare delle predisposizioni per contenere manifestazioni agonistiche, ridotta ad essere un grande contenitore di 2400 metri quadri da utilizzare solo per fare gli allenamenti.A quanto ammonteranno i costi di gestione per una struttura così grande ma da utilizzare solo per fare allenamenti. Nella delibera di Giunta n° 35 del 19/02/2009 si parla di verificare l'adeguatezza di tale struttura alle esigenze della MARAN C5, qualora avesse dovuto disputare un campionato di seria "A". Ebbene, dopo anni di promesse gli verrà messo a disposizione solo un campo regolamentare per gli allenamenti! Questa nuova giunta ha deciso anche in dissenso con la precedente, quindi in dissenso con le decisioni prese dall'allora Vicesindaco Benedetti, facendo marcia indietro sulla tensostruttura, in barba ai soldi spesi per il suo ampliamento. Come intende gestire le numerose problematiche degli altri impianti sportivi come il campo da calcio di San Nicolò, in parte recuperato ma ancora lontano dall'essere utilizzabile, e inoltre la pista di Atletica, la piscina, il progetto del campo da Baseball? La risposta a tutte queste domande sta forse nella promessa della realizzazione della cittadella dello sport al posto del costruendo ippodromo di Poreta?Ma forse sarà solo l'ennesima promessa!Oggetto: Interrogazione tensostruttura e ampliamento palaRota.Premesso che:1) Il 2 luglio 2007 viene approvato dal Consiglio Comunale in variante al Contratto di Quartiere 2, la costruzione di una tensostruttura di dimensione 40X50 altezza massima 12 metri costruita per contenere due campi regolari da pallacanestro. L'impellenza è dovuta alla chiusura dellle palestre delle scuole in cui saranno eseguiti i lavori di messa a norma antisismica. Secondo l'Assessore competente i lavori saranno terminati entro il 31 dicembre 2007 ed i costi relativi all'opera saranno di 380.000 euro.2) Con D.G. 435 del 11 dicembre 2007 la Giunta Comunale presieduta dal Sindaco Brunini delibera: "di approvare definitivo-esecutivo dei lavori di realizzazione di una tendostruttura polivalente sportiva e relative urbanizzazioni in via Laureti ....per un importo complessivo di € 800.000".3) Con riportato nella D.G. 35 del 19 febbraio 2008 la giunta presieduta dal Vicesindaco Benedetti (erano assenti il Sindaco Brunini e l'assessore con delega allo sport Stella) "dopo una attenta analisi e valutazione della situazione che potrebbero interessare la struttura di nuova realizzazione è emersa la possibilità che la Soc. Sportiva MARAN Spoleto di calcio a cinque che..... milita in serie "B", in relazione ai risultati ed alla classifica potrebbe trovarsi nella prossima stagione agonistica a giocare in serie "A" e quindi necessita di avere a disposizione una struttura adeguate e a norma per poter giocare;...... il progetto in questione si differenzia da quello approvato con deliberazione G.C. 435 principalmente nelle misure ......che passa da una dimensione di ml 40X50 ad una dimensione di ml 40X60 con conseguente potenziamento di tutti gli impianti e fondazioni. L'importo a base di gara sale a 885.000 euro.4) Il 23 giugno 2008 il consiglio comunale approva la cessione del diritto di superficie dove verrà costruita la tensostruttura ad una società di leasing che si impegna alla realizzazione della struttura.5) Il 21 luglio 2008 la Direzione Progettazione del Comune chiede alla Giunta: "...il progetto, approvato con delibera di GC 435 e successivamente integrato ( per ampliare l'area di gioco) con delibera di GC 35 il 19.02.2008 prevedeva la realizzazione di una struttura...... destinata ad ospitare allenamenti e non manifestazioni a carattere agonistico.....seppur si è previsto un campo di gioco regolamentare la struttura non presenta altre specifiche tecnico-funzionali per una sua omologazione da parte del CONI ". La mancanza di spettatori (max 99) non prevedeva preventivi pareri della commissione di vigilanza. Continuava la lettera : " considerato che sarebbe emersa, anche sulla base di diversi colloqui avuti con le altre Direzioni, la necessità di predisporre fin d'ora un adeguamento progettuale finalizzato ad un uso ufficiale della struttura, si rende necessario conoscere le Vs determinazioni in merito a quanto prospettato al fine di poter procedere". La fornitura delle tribune sarebbe stato un capitolo a parte.6) Il 22 luglio la Giunta tutta presente risponde con l'estratto n° 248 : "La giunta prende atto della nota allegata ( 21 luglio 2008) e ritiene necessario rendere idonea la struttura anche per competizioni a carattere agonistico. 7) Con D.G. 15 del 3 febbraio 2009 la giunta approva il progetto architettonico che sostituisce il permesso a costruire, dopo che il 23 dicembre 2008 il fornitore aveva trasmesso le specifiche tecniche e prestazionali, sulla base delle quali la Direzione Progettazione e Ambiente ha provveduto ad adeguare il progetto strutturale delle fondazioni inserendo, in ottemperanza a quanto previsto dalla Giunta il 22 luglio 2008 con l'estratto n° 248 le necessarie preparazioni e gli adeguamenti tali da predisporre la struttura per un suo completamento ai fini dell'utilizzo a livello di competizioni ufficiali.Constato che il 23 giugno c.a. è stata ordinata la sospensione dei lavori alla ditta esecutrice per approvare una perizia di variante,Verificato che il giorno 29 luglio e poi il 20 agosto la nuova Giunta presieduta dal nuovo Sindaco Benedetti chiedono di avere un quadro definitivo sui costi da sostenere per terminare la struttura con una destinazione per gare agonistiche( superiore a 99 posti).Appreso che il 28 agosto la decisione della Giunta comunicata a mezzo stampa è quella di dire no alla ipotesi di ampliamento della tensostruttura, perchè avrebbe comportato un notevole aumento dei costi per supplire la carenze di infrastrutture in primis i parcheggi, e che i lavori termineranno entro l'anno con le specifiche per contenere 99 persone, inoltre con lo stesso comunicato si annuncia che verrà ampliato il palaRota, nel frattempo diminuito ad una capienza di circa 700 spettatori. L'ampliamento avverrà tra maggio e ottobre 2010 e viene evidenziato che già esiste un progetto esecutivo.Accertato che la carpenteria metallica della tensostruttura già montata è quella ampliata cioè 40X60 come previsto dalla delibera di Giunta n°35 del 19/02/2008, e non come quella prevista dal progetto iniziale approvato dal Consiglio Comunale il 2 luglio 2007 che prevedeva una struttura 40X50 contenente due campi regolamentari per un accesso di 99 persone.Tutto ciò premesso il sottoscritto Consigliere Comunale PROFILI Gianmarco interroga il Sindaco per sapere:1) Come mai il progetto iniziale cioè quello approvato in Consiglio Comunale ml 40X50 per 99 persone, come riportato nel verbale del consiglio doveva costare circa 380.000 euro ed invece nel progetto approvato dalla Giunta nel mese di dicembre del 2007 la cifra è salita ad 800.000 euro;2) Come mai la Giunta dai lei allora presieduta in qualità di Vicesindaco, nel febbraio del 2008 ha deciso di ampliare la superficie da 40X50 a 40x60 ml;3) Come mai nonostante il sottoscritto, come riportato nei verbali del Consiglio Comunale, abbia segnalato la problematica dei parcheggi, la Giunta fino ad oggi, ignorando le osservazioni sollevate, ha proseguito nella direzione della realizzazione della struttura predisposte per gare agonistiche per poi rinunciarci;4) A quanto ammontano e quali sono le voci di risparmio con la scelta di realizzare una struttura a 99 posti, invece di una omologata per gare agonistiche, ,5) Quanti soldi sono stati spesi rispetto al progetto iniziale approvato in consiglio, per fare le predisposizioni già realizzate della struttura per gare agonistiche, 6) Se sarà possibile cambiare la destinazione d'uso della tensostruttura, qualora l'Amministrazione lo ritenesse opportuno, e con quali costi aggiuntivi,7) Se per l'ampliamento del PalaRota è stato fatto un elenco dei prezzi ed eventuali analisi, se è stato predisposto lo schema di contratto ed un capitolato speciale d'appalto e se esiste un cronoprogramma dei lavori;8) Se l'ampliamento del PalaRota sarà a carico dell'Amministrazione Comunale o Provinciale.

venerdì 28 agosto 2009

Un altro parcheggio eliminato...

Il Circolo Ambientale “Nuova Europa” Azione Giovani di Spoleto esprime il proprio disappunto sull’esecuzione dei lavori in Via dei Filosofi. Il Presidente del circolo giovanile dell’ ormai ex Alleanza Nazionale Michele Leoni, afferma: “Non possiamo più vedere la nostra Città diventare un circuito automobilistico con tutti quei spartitraffico che non solo, sono un pericolo per gli automobilisti ma anche un scempio dal punto di vista estetico. Neanche un po’ di verde, né un po’di vegetazione che nasconde tutto quel cemento ”.
Inoltre, non si può capire come mai si sta eliminando l’unico parcheggio libero,senza obbligho di pagamento, in una zona dove c’è la più alta tariffa. Molti cittadini che hanno gli esercizi commerciali o i propri uffici di lavoro nelle zone di Piazza S.Gregorio, Corso Garibaldi usufruivano del parcheggio per non pagare elevate cifre di pagamento giornaliere, ed ora come dovranno comportarsi?
Infine non si capisce cosa hanno in mente gli ingegneri e architetti del cantiere, come si può progettare una strada larga più di dieci metri per poi arrivare alla rotatoria con meno di due metri? Tutto questo per quale scopo? Troppo traffico in quel tratto di strada? Non si sa…speriamo che la nuova amministrazione sappia gestire al meglio questa situazione e sappia riorganizzare le zone dei parcheggi a pagamento.

Michele Leoni
Presidente Circolo Ambientale”Nuova Europa” Azione Giovani

venerdì 21 agosto 2009

ATREJU 2009 "OLTRE OGNI MURO"

Cari amici, come ogni anno la nostra organizzazione politica si riunisce per la Festa Nazionale di Azione Giovani denominata Atreju. Come tutti ben sapete settimane fa il Ministro Giorgia Meloni, nonchè Presidente del nostro movimento, ha annunciato la nascita della Giovane Italia, nuovo movimento nato con la fusione di Azione Giovani e Forza Italia Giovani, che da quest'anno sarà l'elemento nuovo per l'Atreju.La festa si svolgerà dal 9 al 13 Settembre a Roma all'interno del Parco del Celio vicino al Colosseo ed è suddivisa in zone diverse destinate ad ospitare i dibattiti, gli spettacoli serali, i ristoranti, gli stand culturali, politici e sociali, la piscina. L’intera area occupa quest’anno più di 7000 metri quadri.Credo di poter dire che la manifestazione, nata nell’alveo della tradizione della destra giovanile italiana, si è saputa conquistare negli anni un’attenzione ed una simpatia pubblica tali da travalicare i propri confini anagrafici e politici."Oltre ogni muro” è il titolo che abbiamo scelto per l’edizione 2009 di Atreju. Per celebrare il ventennale della caduta del Muro di Berlino e per indire una stagione di impegno civile all’insegna delle riforme e della libertà.

Per chi volesse partecipare chiami al 393 5094350 Michele Leoni.

Il programma della Festa è in via di definizione quindi sarà disponibile entro la prossima settimana.



Michele Leoni

giovedì 6 agosto 2009

“Giovane Italia”, i giovani del PdL guardano al passato


Giorgia Meloni ha finalmente battezzato il neonato movimento degli juniores del PdL. Che d’ora in poi, così hanno deciso le “primarie” tra i simpatizzanti, si chiamerà Giovane Italia. Questo nome per molti di noi non sarà nuovo, così infatti, si chiamava l’associazione giovanile del Movimento Sociale Italiano nata il 14 Novembre del 1954 che accompagnò il MSI fino al 1972 quando confluì nel Fronte della Gioventù. Come simbolo venne scelta la fiaccola tricolore, lasciata in eredità sia al Fronte che ad Azione Giovani, il movimento degli under 30 di Alleanza Nazionale.
Fecero parte della Giovane Italia, Gianfranco Fini, nella sezione Monteverde di Roma, Giuseppe Tatarella che fu componente del primo Governo Berlusconi. In seguito il futuro Ministro ricordò l’esperienza nella Giovane Italia: ” Fu un contenitore arioso di proposte e di contestazioni, una fucina straordinaria di vivaci ed anarchiche intelligenze, con una coralità di impegno e tensione non più riscontrata nei successivi movimenti giovanili”. Forse quei tempi sono tornati.


Michele Leoni

lunedì 3 agosto 2009

Buone Vacanze a tutti...

Ciao a tutti,
come già molti di voi sapranno, si sta lavorando in questi giorni al programma di Atreju 2009. La nostra principale manifestazione nazionale si svolgerà come sempre a Roma dal 9 al 13 settembre e assumerà quest'anno un significato ancora più importante alla vigilia della fondazione del nuovo movimento giovanile del PdL. Ovviamente, la partecipazione di tutti sarà utile ad intensificare il network nazionale e locale con gli amici di Forza Italia Giovani, oltre che rappresentare un sicuro momento di approfondimento grazie al solito, elevato livello di qualità dei dibattiti e degli incontri.
Buone vacanze a tutti
Azione Giovani

martedì 14 luglio 2009

Gianmarco Profili abbandona il gruppo consiliare.Panfili:"Spero che questo episodio non pregiudichi gli equilibri del partito"



Il giorno in cui si insedia la giunta Benedetti, fresca di idee e di propositi, giovane nell'età media e piuttosto "rosa" nel colore, il Pdl perde uno dei suoi pezzi migliori. E' anche questa la notizia del giorno, che toglie parzialmente spazio alla cerimonia d'insediamento del nuovo esecutivo e,persino, al fatto certo non apprezzabile che la prima seduta del nuovo consiglio si sia chiusa per mancanza di numero legale, complici evidentemente "altri impegni precedentemente presi" da parte di molti consiglieri della maggioranza, sullo stampo dell'era Brunini. Come a dire che le vecchie abitudini sono comunque dure a morire. Non bastano pochi mesi per cancellarle tutte. Ma torniamo a bomba.Oggi pomeriggio, durante la formazione dei gruppi consiliari, Gianmarco Profili ha preso la parola per annunciare la propria fuoriuscita dalla formazione del Pdl, e contestualmente l'entrata nel gruppo Misto del consiglio comunale, di cui al momento è l'unico componente nonché capogruppo.Si tratta indubbiamente di una perdita dura da incassare per il Popolo della libertà, che al momento rimane il gruppo consiliare di riferimento del centrodestra, ma con soli 5 consiglieri contro gli 8 della passata legislatura (sommando i 6 di Alleanza nazionale con i 2 di Forza Italia). Capogruppo del Pdl è Carlo Petrini, mentre a guidare il gruppo Rinnovamento per Loretoni è stato scelto Fabrizio Cardarelli.Nulla trapela, per il momento, circa i motivi che hanno spinto Profili a compiere una scelta senza dubbio sofferta e ponderata fino all'ultimo: sarà lo stesso consigliere comunale, visibilmente turbato in volto oggi pomeriggio, a chiarire con gli organi di informazione i retroscena della vicenda in una conferenza annunciata entro breve. Una storia, questa, che comunque - è inutile nasconderlo - ruota attorno al mancato riconoscimento dell'impegno profuso costantemente dal consigliere all'interno del gruppo del Pdl. Profili, come si ricorderà, è sempre stato uno degli esponenti d'opposizione più attivi nella passata legislatura, primo firmatario - molto spesso insieme a Gianluca Speranza - di una lunga serie di mozioni sui temi ambientale, sviluppo economico, politiche del lavoro ecc. Di sicuro quella di oggi non è stata una buona partenza per il centrodestra, che si presenta davanti ai prossimi cinque anni di opposizione ancor più disunito rispetto a 6 mesi fa.Presente oggi pomeriggio in consiglio comunale anche il consigliere provinciale Giampiero Panfili, il più votato di tutto il Pdl della Provincia di Perugia. Sue sono le prime parole in merito al "caso Profili": "Esprimo solidarietà e vicinanza umana nei confronti dell'amico e collega Profili, al quale non è stato riconosciuto il giusto merito per l'assiduo lavoro svolto costantemente negli ultimi 5 anni. Ritengo che meritasse un ruolo importante, ed anzi penso che sarebbe stata la persona più opportuna per rivestire il ruolo di capogruppo del Pdl, senza nulla togliere agli altri e tantomeno a chi è stato nominato capogruppo. Sarebbe stato per Gianmarco il giusto premio per cinque anni, quelli appena trascorsi nella precedente legislatura, durante i quali non si è mai tirato indietro, lavorando sempre su tutti i fronti. Spesso, a causa della mia assenza per impegni in consiglio provinciale, si è ulteriormente sacrificato nell'attività di consigliere d'opposizione, arrivando a spendere ancor più energie nel suo compito e, talvolta, a svolgere il ruolo di capogruppo al posto mio. Tutto ciò gli elettori lo hanno capito; auspicavo che lo capissero anche i colleghi. Così evidentemente non è stato".La disamina di Giampiero Panfili, come sempre decisa nei toni e nelle affermazioni rese, diviene ancora più schietta quando si va a parlare di futuro: "Sono sicuro che Profili lavorerà come ha sempre lavorato anche all'interno del gruppo Misto, con la solita umiltà e abnegazione. Spero che questo episodio - aggiunge Panfili - non possa rovinare quelli che sono gli equilibri del Popolo della libertà a livello provinciale, quantomeno. Quindi auguro a Gianmarco di lavorare tranquillamente e con impegno, come ha sempre fatto per il bene della città".In serata arrivano anche le prime parole dello steso Profili, protagonista suo malgrado di questa prima giornata politica. Il primo pensiero del capogruppo Misto è per la discutibile chiusura della seduta odierna, avvenuta appunto per mancanza di numero legale. "Il nuovo consiglio comunale non poteva cominciare peggio. Su richiesta del capogruppo del Pdl, la maggioranza ha fatto mancare il numero legale al momento di discutere sulle linee programmatiche. Devo dire che ero in possesso delle linee programmatiche della maggioranza già da tempo, e quindi ero in grado di discuterle. Tuttavia, visto che non tutti i colleghi erano a conoscenza del suddetto programma, ho chiesto come capogruppo di mettere a votazione la sospensione del consiglio comunale, per dare modo a tutti di documentarsi durante la pausa prima di proseguire i lavori". Poi il primo affondo di Profili, diretto contro i suoi ex colleghi di gruppo e - forse - di partito. "Brillantemente il capogruppo del Pdl ha chiesto la verifica del numero legale, contribuendo a farlo mancare insieme a tutto il suo gruppo, eccezion fatta per il consigliere Bernelli che ha risposto ‘presente' all'appello. Chiudere la prima seduta per mancanza di numero legale è scandaloso - prosegue Profili - oltreché inspiegabile e offensivo per la città. Personalmente, pur non condividendo il pensiero generale della giunta Benedetti, sono rimasto in aula insieme ad una decina di colleghi consiglieri di schieramenti diversi fra loro". A lume di naso, quella che si prospetta sarà una legislatura piuttosto travagliata: il rischio è quello di non capire bene chi fa opposizione e soprattutto contro chi...
da Spoletonline